Salumi tipici marchigiani

Sono quattro, e costituiscono il fiore all'occhiello dell'azienda: il ciauscolo I.G.P., il salame Fabriano, il salame Ascolano e il Prosciutto crudo.
Sono tutti salumi di filiera NO-OGM, prodotti esclusivamente con carni italiane certificate.

Accanto al re ciauscolo, altro salume tipico delle Marche è il Salame di Fabriano, caratterizzato da una preparazione sapiente e di antica tradizione, con l'utilizzo delle carni migliori (spalla e coscia) del suino finemente tritate, alle quali vengono aggiunti i lardelli tagliati a cubetti e insaccate nel budello gentile. Già nel 1692, pare che il comune di Fabriano valutasse il suo squisito salame 42 quattrini alla libbra contro i 32 quattrini del prosciutto. Una prelibatezza apprezzata persino da Giuseppe Garibaldi, come testimonia una lettera datata 1881 e indirizzata al maggiore fabrianese Benigno Bigonzetti, nella quale l'eroe dei due mondi lo ringrazia per l'invio dei salumi lodandone la bontà.

Ciauscolo I.G.P.

Il salame più tipico delle Marche, dalle origini antichissime, rinomato per la sua morbidezza e la sua spalmabilità, ha ottenuto nel 2009 il marchio I.G.P.

più informazioni

 

Le eccellenze regionali